Riprese fotografiche e filmate

Informazioni su richieste di riprese fotografiche e filmate nei musei delle Gallerie degli Uffizi

L'Ufficio Permessi e Concessioni si occupa, ai sensi degli artt. 106-108 del D.lgs 42/2004 e ss. mm. ii., delle autorizzazioni a effettuare riprese fotografiche e filmate. 

I richiedenti  possono inoltrare le richieste, utilizzando i moduli allegati, ai seguenti indirizzi:

Andrea Di Meo - ga-uff.permessi@beniculturali.it

Vera Laura Verona - ga-uff.permessi@beniculturali.it

 

INFORMAZIONI SU RICHIESTE DI RIPRESE FOTOGRAFICHE E FILMATE NEI MUSEI DELLE GALLERIE DEGLI UFFIZI - pdf

 

Tariffe fotografiche - Scarica il modulo per la richiesta

Per ogni foto eseguita: euro 100
Oltre 10 foto eseguite si applica una riduzione del 10%
Oltre 100 foto eseguite si applica una riduzione del 25%

Se l’utilizzo è legato a un uso derivato si aggiungono le tariffe relative all’uso.

In caso di campagna da parte di fotografo professionista il canone sarà valutato dal dirigente in base alle finalità.

In caso di riprese fotografiche all’interno del Giardino di Boboli in occasione di matrimoni il canone ammonta ad euro 5.000 per un massimo di 2 ore; a tale costo si devono aggiungere le spese per il personale e quelle dei biglietti di ingresso.

 

Tariffe riprese filmate - Scarica il modulo per la richiesta

Riprese filmate per finalità culturali:

-  con distribuzione delle immagini su più Stati: euro 1.000 per la prima ora, euro 750 dalla seconda ora – validità della concessione tre anni
-  con distribuzione delle immagini su uno Stato: euro 800 per la prima ora, euro 600 dalla seconda ora – validità della concessione tre anni
Oltre le 6 ore di riprese verrà valutata un’eventuale riduzione del canone caso per caso.

Estensione dei diritti per riutilizzo delle immagini filmate: euro 250 all’anno per un massimo di 7 anni aggiuntivi.

Se le riprese sono destinate ad altro utilizzo (es. pubblicità) si aggiungono le tariffe relative.

Per riprese filmate destinate alla produzione di film/fiction i canoni vengono valutati dal dirigente in base all’entità della richiesta e alla distribuzione del prodotto.