Condividi

Ritratto del c.d. Caligola

Autore
 Arte romana
Data
 Ante 4 d.C.
Collezione
Collocazione
Corridoio di Levante
Tecnica
 Marmo italico
Dimensioni
63 cm. (altezza)
Inventario
Inv. 1914, n.113

Originariamente parte della Collezione Ludovisi di Roma, questo busto marmoreo fu acquistato nel 1669 dal Cardinale Leopoldo de’ Medici, confluendo nelle raccolte di Galleria alla morte di quest’ultimo (1675). Il ritratto raffigura un giovane uomo imberbe, dall’espressione fiera e risoluta, con il viso rivolto verso destra per la forte torsione del collo. L’uomo indossa un’armatura parzialmente nascosta dal panneggio del mantello fermato da una fibula circolare posta sulla spalla destra. Il soggetto è stato a lungo identificato con l’imperatore Caligola, ma sulla base di successivi studi si è creduto di poter rivedere nei tratti del suo volto l’immagine di Agrippa Postumo, figlio di Marco Vipsanio Agrippa e della figlia di Augusto Giulia. Il fanciullo, così soprannominato perché nato dopo la morte del padre, non fu immediatamente adottato dal nonno Augusto, a differenza dei suoi fratelli Gaio e Lucio. Solo nel 4 d.C., dopo la prematura morte dei fratelli, Augusto riconobbe Agrippa come suo successore. L’affiliazione, però, durò solo pochi anni perché, a causa del carattere violento e instabile del giovane, Agrippa fu allontanato dalla corte ed esiliato nell’isola di Pianosa, nell’arcipelago toscano, dove visse in una suntuosa villa di cui si conservano ancora i resti. Lì fu ucciso nel 14 d.C., forse per volontà di Tiberio, successore di Augusto. Il tipo ritrattistico al quale appartiene la testa degli Uffizi potrebbe esser stato realizzato proprio poco prima del 4 d.C. Sono frutto di integrazione alcune parti del naso, delle orecchie e delle spalle.

Modello 3D realizzato in collaborazione con Indiana University. Visita https://www.digitalsculpture-uffizi.org/