Condividi

La fabbrica della copia a Firenze e a Napoli tra Sette e Ottocento - II parte

Giornata di studi organizzata presso l'Auditorium Vasari degli Uffizi

Venerdì 1 ottobre 2021

9.00 | Saluti istituzionali

Sessione I - FONTI DOCUMENTARIE E NORMATIVE
modera Simona Pasquinucci

9.15 | Cristiano Giometti, Il mondo in un registro. Artisti, committenti e viaggiatori nei permessi di copia degli Uffizi
9.45 | Giulia Coco, “Norme per i copiatori delle RR. Gallerie e Musei di Firenze”. La regolamentazione della copia tra Sette e Ottocento
10.15 | Loredana Lorizzo, «Si scriva affermativamente»: i permessi di copia delle collezioni borboniche come fonte per la storia dell’arte europea
10.45 | Giuseppina Merola, Collezioni in copia. Dalle richieste per disegnare ai permessi di “estraregnazione”, una ricerca in corso
11.15 | Cinzia Maria Sicca, “The best pieces we have in England are I believe only good copies”: Livorno, la nazione inglese e il mercato delle copie durante il Grand Tour

11.45 - 14.30 | Pausa pranzo

Sessione II - PRODUZIONE E MERCATO
modera Antonella Gioli

14.30 | Fabrizio Paolucci, Sante Pacini e Vincenzo Barsotti copisti di scultura classica nella Firenze della fine del XVIII secolo
15.00 | Andrea Fusani, “Una scienza volgare e mezzana”: la produzione di copie a Carrara tra Sette e Ottocento
15.30 | Francesco Freddolini, Hiram Powers e la Cosmopolitan Art Association: produzione e mediazione nel mercato transatlantico delle copie scultoree

Sessione III - TRA COLLEZIONISMO E ACCADEMIA
modera Stefania Zuliani

16.00 | Antonella Trotta, Musei di copie e copie di musei. Le raccolte napoletane come modello nel XIX secolo
16.30 | Giuliano Colicino, Tradurre ma non tradire. Guglielmo Morghen tra Stamperia Reale e Accademia
17.00 | Sheila Barker, Women Copyists at the Uffizi: The Brief Account of a Pyrrhic Victory.
17.30 | Michele Amedei, “Florence est toujours pour moi la charmante Florence”: copisti francesi agli Uffizi tra Romanticismo e Naturalismo

INFO