Un centinaio tra dipinti, sculture, oggetti di arte applicata, arazzi, miniature e libri a stampa, ricostruiscono il mondo di un grande intellettuale del Cinquecento, Pietro Aretino

Il ritratto di Pietro Aretino alla Galleria Palatina è uno dei capolavori di Tiziano, noto per le effigi di Papi e Imperatori, nientemeno. Pietro Aretino visse, e alimentò con i suoi scritti, un momento fondamentale per la storia e per l’arte italiana: quello che vide l’affermazione di Michelangelo e Raffaello a Roma e la diffusione in tutta Europa della cultura maturata nei primi tre decenni del Cinquecento nello sfarzo della corte di Giulio II, Leone X e Clemente VII. Aretino visse, in una parola, nel pieno della “Maniera Moderna”, secondo la definizione di Giorgio Vasari nelle sue Vite degli artisti, pubblicate nel 1550 e nel 1568. La mostra è scandita in cinque sezioni che illustrano i principali momenti della vicenda di Pietro, e l’avvicendarsi di scenari che vanno dagli esordi tra Arezzo e Perugia, all’approdo alla corte pontificia Roma, fino al trasferimento nel nord Italia, a Mantova prima e infine a Venezia.

La mostra è curata da Anna Bisceglia, Matteo Ceriana e Paolo Procaccioli.

Sebastiano Luciani detto Sebastiano del Piombo Ritratto femminile 1512 olio su tavola Galleria delle Statue e delle Pitture, Gallerie degli Uffizi, Giovan Giacomo Caraglio Ritratto di Pietro Aretino con motto 1646/1655 bulino Gabinetto dei Disegni e delle Stampe, Gallerie degli Uffizi, FirenzeTiziano Vecellio Ritratto di Pietro Aretino olio su tela 1545 Galleria Palatina, Gallerie degli Uffizi, Firenze
Condividi

Informazioni

Aula Magliabechiana 

La mostra segue l'orario di apertura del museo ed è inclusa nel biglietto degli Uffizi info