La Maremma si racconta con l'arte

Nuova tappa toscana per il progetto Uffizi Diffusi, con la mostra, a Bibbona, “La Maremma dei Macchiaioli”, dove arte e natura si fondono nella rappresentazione del paesaggio toscano: nei dipinti esposti è infatti evidente il richiamo al territorio e alla natura circostante, che sembra risuonare nelle pennellate e nelle macchie di colore e luce. La mostra, incentrata su una selezione di otto opere che pittori macchiaioli e post-macchiaioli hanno dedicato ai territori della Toscana del Sud, è allestita negli spazi del Comune Vecchio di Bibbona fino al prossimo 15 ottobre.

I dipinti arrivano in prestito dalla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti. Cinque sono di Giovanni Fattori: Casa rustica sul mare (1890-95 c.), Maremma toscana (1898 circa), Paesaggio sul mare (1885-1890 circa), Piccola Maremma (1884), Tramonto sul mare (1900 circa). A questi si aggiungono Scena maremmana (1885-1990) di Eugenio Cecconi, Marina di Giuseppe Abbati, (1862-64), Paesaggio Maremma (1930) di Nicodemo detto Memo Vagaggini. Le opere “fotografano” la quiete del paesaggio toscano rurale, tra campi e case contadine, sullo sfondo di cieli cangianti che sovrastano il mar Tirreno e dei litorali che ne ricevono le onde. 

Le pennellate ‘macchiaiole’, veloci, dense e istantanee, incapsulano la geografia del paesaggio con immediatezza e veridicità, instaurando tra i dipinti in mostra un nesso armonico. Allo stesso tempo, si ha l’impressione che l’esposizione contenga scorci quasi dissonanti, come provenienti da mondi diversi: ogni pittore, infatti, infonde nell’opera la sua riconoscibile impronta, trasmettendo all’osservatore la sua versione (e visione) della Maremma. Il livornese Giovanni Fattori, a cui appartengono cinque delle opere che compongono la rassegna, interpreta la natura con uno sguardo languido e avvolgente: la sua opera Piccola Maremma abbraccia i campi toscani in un’intensa veduta orizzontale, resa con tocchi fluidi e corposi. Eugenio Cecconi, invece, racconta di una campagna più arida, quasi dolorante; l’opera di Giuseppe Abbati è immersa in una serena atmosfera di pace, mentre la spigolosità di Memo Vagaggini, sospesa tra terra e acqua, restituisce un senso di raffinata durezza.

Crocevia tra mare e collina, Bibbona celebra così la Maremma nell’arte toscana dell’Ottocento, con questa bella mostra degli Uffizi Diffusi, parte del grande programma di diffusione d’arte sul territorio da parte delle Gallerie.

Condividi

Informazioni

"La Maremma dei Macchiaioli"

a cura di Elena Marconi

Comune Vecchio - Bibbona

 

Orario di apertura

Tutti i giorni dalle 18.00 alle 23.00. Ingresso gratuito.

Bibbona stemma.png?ixlib=rails 2.1