Tutte le proposte delle Gallerie degli Uffizi per l’Anno Scolastico 2019/2020

Gentili docenti,
l’augurio per il nuovo anno scolastico ha in questa occasione un accento particolare, caratterizzato da un sentimento di gratitudine per la costante fiducia che nel tempo ci avete dimostrato e dalla soddisfazione di annunciare il potenziamento del nostro sostegno a favore degli studenti più svantaggiati. E’ mia ferma convinzione che i musei debbano essere il più possibile accessibili sia da un punto di vista culturale che materiale ed è proprio a tale scopo che ho costituito un nucleo operativo di personale dedicato. 
In riferimento alla fedeltà del pubblico scolastico ai servizi educativi proposti dalle Gallerie degli Uffizi, mi preme ricordare come con il 2020 si entri nell’anno in cui ricorreranno i cinquanta anni dalla fondazione della Sezione Didattica ad opera di Maria Fossi Todorow: celebriamo dunque mezzo secolo di attenzione verso il nostro bacino di utenza preferenziale, ovvero le scuole di ogni ordine e grado. Per tanto tempo questo ufficio ha funzionato come referente essenziale per la didattica museale e l’educazione al patrimonio e recentemente ha dimostrato di sapersi adeguare alle nuove pressanti richieste che pervengono dal mondo della scuola; intendo continuare con decisione in questa direzione ed è in tale spirito che auguro a voi e ai vostri studenti un fruttuoso anno di lavoro.

Eike Schmidt

Direttore delle Gallerie degli Uffizi

 

Gentili docenti,
un nuovo anno scolastico sta per iniziare e questo mio scritto - intrapreso negli anni passati con valutazioni di ordine generale che riguardavano le novità delle riforme e la generale impostazione organizzativa del raggruppamento museale nel quale siamo inseriti - avrà come elemento essenziale le novità da noi proposte: esse non solo riguardano  nuovi percorsi, ma anche maggiori servizi nei confronti degli studenti con particolari necessità.
Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto siamo lieti di poter assicurare ad ogni classe in visita uno specifico sostegno, qualora siano presenti studenti con necessità particolari: sarà possibile avere dei supporti sia per ragazzi con disabilità visiva (visita quadri tattili – percorso “Uffizi da toccare”) che uditiva (traduzione in LIS) e, accordandosi adeguatamente con l’ufficio, anche per ragazzi con problemi di apprendimento o affetti da disturbi psichici. Il nostro intento è sempre stato quello di rendere i musei accessibili a tutti e, nel caso specifico dei progetti per le scuole, fare in modo che la visita al museo sia un’esperienza condivisa e partecipata dal gruppo classe nella sua totalità.
Sul fronte delle nuove proposte di percorso è con particolare soddisfazione che possiamo presentare alle scuole la nuova lezione “Arte e cultura del mondo islamico agli Uffizi”, frutto di un’attenta ricerca e di una proficua collaborazione iniziata con l’importante mostra sull’arte islamica a Firenze dell’estate 2018. 
Per finire, il settore sempre particolarmente significativo di quella che avevamo conosciuto come Alternanza Scuola Lavoro, che adesso viene ufficialmente definita come “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”: per noi si tratta sempre e comunque di una grandissima opportunità per fare Educazione al Patrimonio. Tutti i percorsi precedentemente attivati restano a disposizione delle scuole ad esclusione della “Panchina delle fiabe”; il percorso “Botteghe artigiane/beni culturali. Connessioni” si articola nel suo secondo anno presso le botteghe degli artigiani in attesa di essere replicato nel prossimo anno scolastico, ma le sue finalità si traducono in una nuova offerta, sviluppata in una sola annualità, denominata “Manual-mente: professione artigiano”. Al centro di questo nuovo percorso è la volontà di far intendere alle giovani generazioni il valore culturale delle attività artigiane e ridestare in loro la consapevolezza sensoriale come strumento insostituibile di conoscenza e comprensione del mondo e in particolare delle creazioni artistiche. 
Nell’augurare a tutti voi e ai vostri studenti un proficuo e gratificante anno scolastico, chiudo questa mia breve introduzione con un cenno alle recentissime novità che, come molti di voi avranno appreso dalla stampa, prevedono l’accorpamento alle Galleria degli Uffizi della Galleria dell’Accademia e del Museo di San Marco. Per ovvi motivi di tempistica non è stato possibile prevedere in questo opuscolo nessuna attività relativa a questi due importanti musei, ma confidiamo di potervi aggiornare nelle prossime settimane sulle iniziative che riusciremo sicuramente a predisporre, anche con la fattiva collaborazione dei colleghi che in di questi due musei hanno finora organizzato le attività educative.
Come sempre il Dipartimento per l’Educazione delle Gallerie degli Uffizi sarà al vostro fianco con la consueta disponibilità e con la fiducia di ampliare maggiormente le proposte di attività dedicate alla scuola.

Silvia Mascalchi

Responsabile Dipartimento per l’Educazione