Vai al contenuto principaleVai al footer

Autoportrait II

Louis van Lint (Saint-Josse-ten-Noode (Brussels), 1909 - Kraainem, 1986)

Data
1975
Collezione
Pittura
Collocazione
Autoritratti
Tecnica
Acquerello su carta applicata su tela
Dimensioni
39x28cm (senza cornice); 61,5 x 48,5 x 2,5cm (con cornice)
Inventario
1890 n. 10622
Iscrizioni

in basso in corsivo: "Autoportrait. Van Lint 75"; al centro e spostato verso destra, sopra al volto, in lettere capitali: "Luuis Van Lint"

Fra i protagonisti delle tendenze d’arte astratta in Belgio dai primissimi anni Quaranta del XX secolo, Louis Van Lint si avvicina, nel secondo dopoguerra, al gruppo CoBrA per poi aderire all’astrattismo lirico: un movimento internazionale, che si sviluppa in Europa e oltre e accomuna ricerche diverse di artisti, variamente astratte, che  attraverso l’uso del colore e della libera espressione del segno, puntano a trasporre nelle proprie opere la loro personale interpretazione di elementi del mondo naturale, animale e minerale e il sentimento che essi suscitano nell’artista. Nella sua ampia produzione pittorica, Van Lint rappresenta equilibri e armonie di movimenti tellurici o marini, forme e germinazioni naturali e le proprie tensioni emotive o la calma interiore.

In questo autoritratto, il mezzo busto dell’artista spicca con forza dal fondo a monocromo. Van Lint mostra con schietto coraggio, senza indugiare in dettagli accessori (nella capigliatura, come nell’abbigliamento), l’età matura e il momento immediatamente successivo a una lunga malattia. I tratti pronunciati della fisionomia sono tracciati con marcate pennellate marroni, evidenziando la fisionomia scavata del volto sul quale insieme al naso e all’orecchio, spiccano gli occhi azzurrissimi, penetranti e volti verso un altrove indefinito, specchio di un’anima pronta a sostenere il confronto con il mondo esterno. Il proprio nome, dipinto a lettere capitali, si impone come un timbro e sembra sancire con forza l’originalità del proprio stile pittorico in equilibrio fra forma figurata e astratta.

Il dipinto è stato donato alle Gallerie degli Uffizi dal nipote Lionel Colin nel 2013.

 

 

 

 

 

Bibliografia

F. Sborgi, in Uffizi Self-portrait Masterpieces, a cura di V. Gavioli e A. Griffo, catalogo della mostra (Shanghai, Bund One Art Museum, 09.09.2022-08.01.2023), 

Testo di
Francesca Sborgi
Vuoi visitare Gli Uffizi?
Organizza la tua visita a Firenze, trova prezzi ed orari del museo.

La Newsletter delle Gallerie degli Uffizi

Iscriviti per restare informato!