Condividi

Ritratto di Plautilla

Autore
Arte romana
Data
Inizi dell’età severiana
Collezione
Collocazione
Corridoio di Ponente
Tecnica
Marmo greco
Dimensioni
65 cm (altezza)
Iscrizioni

[PL]AUTIL[LA]

Inventario
1914 n. 218

Il ritratto rappresenta una giovane ragazza, dai tratti ancora vagamente infantili, caratterizzata da una particolare acconciatura “a melone”, consistente in dodici trecce aderenti al cranio e raccolte alla base della nuca in un toupet. La bocca appena socchiusa, la testa piegata verso destra e lo sguardo rivolto verso il basso contribuiscono a conferire un’espressione quasi malinconica al volto, avvicinando la scultura agli schemi iconografici solitamente utilizzati per i ritratti funerari. Nonostante alcuni elementi di reimpiego, sia la testa sia il busto sono considerati antichi, ma forse non fra loro pertinenti: il ritratto infatti pare risalire al primo periodo severiano, mentre l’epigrafe AUTIL (integrata come PLAUTILLA) si data per paleografia al II secolo d.C. Non si esclude che la scultura raffiguri una privata che scelse di uniformarsi ai modelli ritrattistici ufficiali di Plautilla, la giovane imperatrice sposata appena quattordicenne con l’imperatore Caracalla nel 202 d.C. e, da questi, prima esiliata a Lipari e poi messa a morte nel 212 d.C.

Modello 3D realizzato in collaborazione con Indiana University. Visita https://www.digitalsculpture-uffizi.org/