Condividi

Incredulità di San Tommaso (Copia da Caravaggio)

Autore
Artista attivo nella prima metà del sec. XVII
Collezione
Collocazione
Deposito
Tecnica
Olio su tela
Dimensioni
108 x 146 cm
Inventario
Inv. 1890 n. 5807

Sebbene questo dipinto sia considerato una copia antica di un’opera di Caravaggio, esso si presenta di notevole interesse sia per la sua ottima qualità pittorica, sia perché documenta uno dei dipinti più copiati e replicati dei primi decenni del Seicento, ad indicarne il grande successo sin dalla sua realizzazione. L’Incredulità di San Tommaso delle Gallerie degli Uffizi è certamente una copia antica appartenuta alle collezioni medicee, infatti è documentata nella collezione del cardinale Carlo de’ Medici del 1666.

Attualmente la maggior parte della critica ritiene che l’originale di Caravaggio – dal quale è derivata la pittura degli Uffizi – sia il dipinto conservato nella Bildergalerie di Postdam (Germania), che viene datato ai primi anni del Seicento ed identificato con la pittura appartenuta ad un’importante collezione romana, quella di Vincenzo Giustiniani. Si deve però ricordare che secondo alcuni critici l’originale è andato perduto.