La Grotta del Buontalenti nel Giardino di Boboli

Un tour virtuale con foto a 360°

Progettata inizialmente come vivaio, la Grotta Grande di Boboli deve la sua attuale sistemazione all’architetto-ingegnere Bernardo Buontalenti, che tra il 1582 e il 1593 intervenne sul precedente progetto di Giorgio Vasari realizzando tre stanze coperte di spugne, rocce e altri materiali eterogenei, ideate per offrire uno sfondo scenografico a fontane, giochi d’acqua e sculture.
La prima stanza venne adattata per ospitare i quattro Prigioni di Michelangelo, inseriti come telamoni a sostegno delle pareti della grotta (oggi sostituiti da calchi). La seconda e la terza stanza contenevano rispettivamente il gruppo scultoreo di Teseo ed Elena di Vincenzo de’ Rossi e la Venere di Giambologna.

L'articolazione degli spazi è dunque la seguente:

  • Facciata
  • Prima stanza
  • Seconda stanza
  • Terza stanza (Grotticina di Venere)

 

CREDITS

Prodotto dalle Gallerie degli Uffizi Realizzato da Audio Guide Gestione Multiservizi e da Reiview.

Copyright: Le Gallerie degli Uffizi. 
È apprezzato l’impiego per scopi personali ed educativi. Sono vietati eventuali utilizzi commerciali, duplicati o riproduzioni in ogni forma, anche parziale.

Condividi