Questo studio si concentra su una recente acquisizione delle Gallerie degli Uffizi, l'urna cineraria romana di Tito Aelius Proculus. L'iscrizione funeraria posta da sua moglie Chreste ci permette di datare la vita di Aelius Proculus, liberto dell'imperatore Adriano, alla prima metà del II secolo d.C., e di indagare sul suo ruolo nella familia Cesaris. Come adiutor ab ammissione ricoprì uno dei livelli più bassi dell' ufficium admissionis, l'ufficio che regolava l'ammissione alla presenza dell'Imperatore e che è attestato dall'età augustea fino al IV secolo d.C. L'appartenenza di Proculus a questo ufficio ci consente di definire meglio la sua figura, nonché di estendere le prove relative a questo importante dipartimento palatino, la cui influenza è ampiamente attestata da fonti letterarie.

 

 

 

l'urna cineraria romana di Tito Aelius Proculus, prima metà del II secolo d.C.
l'urna cineraria romana di Tito Aelius Proculus, prima metà del II secolo d.C.
Condividi

Imagines è pubblicata a Firenze dalle Gallerie degli Uffizi. Direttore responsabile: Eike D. Schmidt. Redazione: Dipartimento di Comunicazione Digitale. ISSN 2533-2015
Informazioni
Novella Lapini
Novella Lapini, Un nuovo addetto all’officium admissionis: Titus Aelius Proculus, liberto adrianeo, in "Imagines", 3, 2020, pp. 100-115
Pubblico