Torna la musica nella Sala Bianca di Palazzo Pitti, con una serie di concerti dei maestri del conservatorio fiorentino

Le Gallerie degli Uffizi e il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze si sono uniti per offrire, concerti musicali aperti a tutti i visitatori della Reggia medicea. Nei mesi di luglio e agosto l’iniziativa propone un programma che coinvolge allievi e docenti della scuola. Le esibizioni saranno ogni sabato alle ore 11 e dureranno ciascuna non più di 40 minuti, con una varietà di proposte che suscita curiosità e promette un’esperienza densa di emozioni.

I concerti avranno cadenza settimanale, ogni sabato alle ore 11, e in questa prima programmazione si concluderanno sabato 5 settembre, e con la sola interruzione di sabato 15 agosto.

Il primo appuntamento, sabato 4 luglio, è dedicato a Ludwig van Beethoven, con il Quartetto Astro che eseguirà quartetto op.18 n.1: un omaggio al grande compositore del quale ricorre quest’anno il 250esimo dalla nascita.

La musica del Sei-Settecento è rappresentata da vari concerti, con ensemble comprendenti cantati, organo, clavicembalo, violino, violoncello e anche arpa celtica, strumento non frequente in un ambito classico; ampia la scelta degli autori, da Bach, Händel, Frescobaldi, Vivaldi, Monteverdi fino a brani di autori del Medioevo per l'arpa celtica (concerti dell'11- 18 luglio, 22-29 agosto, 5 settembre).

La fisarmonica sarà presente nel concerto del 25 luglio, con musiche di Piazzolla e addirittura di Bach.
Ascolteremo brani virtuosistici di chitarra acustica in brani del primo Ottocento (concerto del 1 agosto).

Il flauto, nella straordinaria riscoperta del Novecento, sarà in dialogo con l'arpa (concerto dell'8 agosto): interprete d’eccezione il direttore del Conservatorio, Maestro Paolo Zampini, con l’arpista Letizia Lazzerini.

Il Direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt: “Questi concerti estivi ribadiscono l’unione delle arti nel Museo, organismo vivo che deve offrire al visitatore un’esperienza completa. Lo spazio meraviglioso della Sala Bianca di Palazzo Pitti, nato per la musica, riprende così il suo ruolo originario. Nella Galleria Palatina è conservato un capolavoro come le Tre età dell’Uomo di Giorgione, che con la metafora musicale celebra la vita: ora i migliori maestri del Conservatorio fiorentino portano la musica vera tra le opere del Museo, facendo palpitare di nuova vita le collezioni.

Il Direttore Conservatorio Cherubini Maestro Paolo Zampini: “Ripartire con i nostri concerti in un luogo così prestigioso come la Sala Bianca di Palazzo Pitti ci riempie di soddisfazione. Con questa collaborazione il Conservatorio Cherubini consolida il suo rapporto con la città di Firenze e con Le Gallerie degli Uffizi, rapporto già attivo da molti anni con la presenza della collezione dei nostri strumenti storici alla Galleria dell’Accademia e con gli innumerevoli concerti tenuti nelle sedi museali cittadine.”

 

PROGRAMMA DEI CONCERTI

 

 

4 luglio 2020

 

Omaggio a Beethoven

- Felix Mendelssohn Bartholdy (1809-1847):

dal Quartetto per archi n. 3 in re maggiore, op. 44 n. 1 (MWV R 30): Minuetto, Un poco Allegretto

Quartetto Ibisco:

Alice Zanolla, violino I

Giulio Maria Mennitti , violino II

Pietro Romagnoli , viola

Viola Zanolla, violoncello

- Ludwig van Beethoven (1770-1827): Quartetto in Fa maggiore op.18 n.1

Allegro con brio

Adagio affettuoso ed appassionato

Scherzo - Allegro molto

Allegro

Quartetto Astro:

Giulio Maria Mennitti, violino I

Filippo Barsali, violino II

Simon Martin Pühn, viola

Leonardo Ristori, violoncello

 

11 luglio 2020

 

Atmosfere d'Europa Barocca

- Dietrich Buxtehude (1637 – 1707): Preludio in Sol minore BuxWV 163

Organo: Giacomo Benedetti

- Antonio Vivaldi (1678 – 1741): Qui sedes ad dexteram patris dal Gloria RV 589

Alto: Sabina Caponi

Organo: Cecilia Iannandrea

Clavicembalo: Giacomo Benedetti

- Johann Sebastian Bach (1685 – 1750): Agnus Dei dalla Messa in Si minore

Alto: Tomonori Tasato

Organo: Cecilia Iannandrea

Clavicembalo: Giacomo Benedetti

- Alessandro Grandi (1577 – 1630): Salve Regina

Baritono: Valdrin Gashi

Organo: Cecilia Iannandrea

Clavicembalo: Giacomo Benedetti

- Girolamo Frescobaldi (1583 – 1643): Così mi disprezzate

- Georg Friedrich Haendel (1685 – 1759): Tornami a vagheggiar

Soprano: Elena Casaglia

Organo: Cecilia Iannandrea

Clavicembalo: Giacomo Benedetti
- Antonio Vivaldi: Quo cum patriae da “Juditha Triumphans”
Alto: Sabina Caponi
Organo: Cecilia Iannandrea
Clavicembalo: Giacomo Benedetti
- Jean Philippe Rameau (1683-1764): Suite en La da “Nouvelles pièces de clavecin”
Allemande, Courante, Sarabande, Les Trois Mains,
Fanfarinette, La Triomphante, Gavotte
Clavicembalo: Alessio Casinovi

 

18 luglio 2020

 

Musica italiana tra Cinquecento e Seicento

- Georg Frederich Händel (1685-1759): Come ever-smiling liberty da Judas Maccabeus

soprano, mezzosoprano** e basso continuo

- Girolamo Frescobaldi (1583-1643): Begli occhi

soprano, mezzosoprano** e basso continuo

- Girolamo Frescobaldi : Capriccio sopra la Bassa Fiamenga

clavicembalo solo

- Giovan Battista Riccio (1537-1627): Ave Regina Coelorum

mezzosoprano* e basso continuo

- Giacomo Carissimi (1605-1674) : Rimanti in pace ormai

2 mezzosoprani e basso continuo

- Giovan Battista Ferrini (1601-1674) : Ballo di Mantova

clavicembalo solo

- C. Monteverdi (1567-1643): Pur ti miro

soprano, mezzosoprano** e basso continuo

- G.P. da Palestrina (1525 ca.-1594) : Da così dotta man

soprano e 2 mezzosoprani

- B. Storace (1637 ca.-dopo 1664) : Capriccio sopra il Passo e Mezzo

clavicembalo solo

- L. Rossi (1597-1653): Dormite begli occhi da Orfeo

soprano, 2 mezzosoprani e basso continuo

Soprano: Elena Casaglia

Mezzosoprano* : Beatriz Oyarzabal Piñan

Mezzosoprano** : Francesca Cataoli

Clavicembalo: Gabriele Giunchi

 

25 luglio 2020

Un mantice a cavallo dei secoli

Antonio Saulo, fisarmonica

- J. Pachelbel (1653-1706): Ciaccona in Fa minore
- J. S. Bach (1685-1750): Preludio e fuga in Do minore BWV 847
- D.Scarlatti (1685-1757): Toccata K-141
- F. Angelis (1962): Brel-Bach I e II Movimento, Suite Francese
- S. Voytenko (?): Revelation
- A. Piazzolla (1921-1992): Etude sur le thème “Chiquilin De Bachin” (arr. F. Angelis) - G.Rossini (1792- 1868) : Cavatina di Figaro da Il Barbiere di Siviglia

 

1 agosto 2020

Virtuosismi chitarristici nell’Ottocento

- Mauro Giuliani (1781-1829): Sonata Eroica op.150
Livia Bausi, chitarra
-Dionisio Aguado (1784-1849): Introduzione e Rondo brillante op.2 n.2 Federico Mariano, chitarra
- Mauro Giuliani: Rossiniana n.1 op.119
Aleksandar Žarak, chitarra

 

8 agosto 2020

Dialogue enchantée

Paolo Zampini , flauto Letizia Lazzerini, arpa

- B. Smetana (1824-1884): The Moldau arpa sola - G. Fauré (1845-1924) : Berceuse

Sicilienne

Improptu op. 86 arpa sola
- A. Honegger (1892- 1955): Danse de la Chèvre flauto solo

- M. Ravel (1875- 1937): Pavane pour une enfante défunte - J. Ibert ( 1890-1962): Entr'acte

 

22 agosto 2020

Cantar per scherzo

- Orlando di Lasso (1530 ca- 1594)

da Libro de villanelle, moresche et altre canzoni e da Livres des chansons a 4 et 5 parties

Martha Rook, soprano
Cora Mariani, mezzosoprano Neri Landi, tenore
Lorenzo Tosi, basso

 

29 agosto 2020

Tomaso Albinoni, musico di violino dilettante veneto

- D. Castello (1602-1631): Sonata seconda - G. Legrenzi (1626-1690) La Foscari

La Colloreta
- T. Albinoni (1671-1751): Sonata in la minore op VI n° 6

Giorgio Sasso, violino Andrea Volcan, violoncello Anna Clemente, cembalo

 

5 settembre 2020

Alla maniera di Orfeo

Sonata in la maggiore op. VI n°10

Beatriz Oyarzabal Pinan, mezzosoprano Gabriele Giunchi, arpa celtica

- Alfonso X el Sabio (1221 - 1284): Cantiga 23 "Como Deus fez vynno d'agua" - traditional Irish : Chanter Song - March of King of Laois
- Antonio Vivaldi (1678-1741): Largo dal Concerto in Re Maggiore RV 93
-
Georg Frederich Händel (1685-1759): Lascia ch'io pianga

- Anonimo : Follia de España- King Henry VIII (1491-1547) : Greensleeves
-
Anxo Pintos: Cancro cru
-
traditional Irish: Charlotte's Air
- Llibre Vermell de Montserrat (XIV sec.): Inperayrirz de la ciutat joyosa (arr. A. Savall)

 

 

Condividi

Informazioni

 

L’accesso è incluso nel biglietto del museo, fino ad esaurimento posti.

 

Le esibizioni saranno ogni sabato alle ore 11

Pubblico