In occasione della Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità, le Gallerie degli Uffizi organizzano due giorni di attività per coinvolgere il pubblico in un’esperienza di scambio e conoscenza del nostro patrimonio sotto un’altra prospettiva.

La Giornata internazionale per i diritti delle persone con disabilità è stata istituita nel 1981, anno che fu interamente dedicato ad un’ampia riflessione ai temi dell’accessibilità ai servizi e alle strutture delle molte categorie coinvolte.

Anche il museo, come gli altri luoghi della vita civica e sociale, è impegnato a rendere sempre più accessibile e inclusiva la conoscenza del patrimonio culturale e le Gallerie degli Uffizi organizzano due giorni di attività per coinvolgere il pubblico in un’esperienza di scambio e conoscenza del nostro patrimonio sotto un’altra prospettiva. Due giorni in cui sarà possibile partecipare a una serie di iniziative agli Uffizi, Pitti e al Giardino di Boboli.

Venerdì 1 dicembre le attività saranno concentrate agli Uffizi, dove in occasione della importante ricorrenza internazionale saranno inaugurate due opere che si aggiungono al percorso Uffizi da toccare facendo salire a 16  il numero delle opere esplorabili anche in autonomia.

E per restituire ancora più valore alla collaborazione, ormai pluriennale, con l’Unione Italiana Ciechi – Sezione di Firenze – gli Uffizi hanno organizzato un momento di dialogo e approfondimento rivolto a tutti i visitatori, desiderosi di farsi guidare, bendati, alla scoperta tattile delle due nuove opere.

Una opportunità di dialogo tra persone, una modalità di cogestione delle visite valorizzando il saper toccare che hanno le persone cieche, competenza che spesso i vedenti hanno quasi dimenticato, e forse anche perso, rapiti dall’eccessivo spazio che è stato dato alle competenze audiovisuali.

L’introduzione alle visite bendate sarà a cura del Dr Fabrizio Paolucci – coordinatore del Dipartimento Antichità classica delle Gallerie degli Uffizi – con la collaborazione del Dipartimento Mediazione Culturale e Accessibilità. Le informazioni saranno tradotte in Lis a cura dell’Ens – Ente Nazionale Sordi.

Il pomeriggio alle 14.30 l’Associazione l’Immaginario, insieme all’Associazione Autismo Firenze, guiderà un gruppo di persone con disturbi dello spettro autistico alla scoperta di alcuni capolavori degli Uffizi, l’iniziativa rientra in un progetto di formazione al personale delle Gallerie finanziato grazie al contribuito della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Sabato 2 dicembre l’attenzione si sposterà nei musei di Palazzo Pitti, dove, grazie alla disponibilità del personale, e grazie alla collaborazione di alcuni volontari del Servizio Civile Nazionale saranno organizzate visite sia al Percorso Forma e materia attraverso il tatto presso la Galleria d’Arte Moderna che alla Galleria Palatina per un percorso alla Galleria Palatina e Appartamenti Reali

Il Giardino di Boboli poi apre la Limonaia alle visite multisensoriali alla collezione storica-medicea degli agrumi. I visitatori verranno guidati alla scoperta delle piante presenti scoprendone le principali caratteristiche di forma e profumo attraverso l’esperienza tattile, con la collaborazione degli ospiti del Centro Diurno CSE Il Totem di Firenze, gestito dalla Cooperativa Sociale Il Girasole. Ingresso consigliato da Annalena.

Nel corso di ambedue le giornate di attività il personale interno ai musei sarà potenziato in maniera dar offrire ai visitatori con disabilità maggiore confort e attenzione. Oltre al consueto ingresso gratuito per e per l’accompagnatore, stabilito dalla normativa, essi avranno diritto all’ingresso prioritario ai luoghi oggetto delle attività.

 

In allegato potete consultare il programma completo delle due giornate.

 

Condividi

Informazioni

 

Prezzi

Ingresso gratuito per sé e per l’accompagnatore

 

Orario

Vedi Programma allegato.