Dal 30 giugno gli Uffizi aperti anche il martedì

Gli Uffizi estendono il loro orario e aprono al pubblico dal martedì alla domenica

Dal 30 giugno 2020 gli Uffizi osserveranno il seguente orario.

Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 13.30 -18.30

Sabato e domenica: 9.00 - 18.30

L'ultimo ingresso consentito sarà un’ora prima della chiusura, alle 17.30, e le operazioni di chiusura inizieranno alle 18.00.

Saranno visitabili gli ambienti del primo e del secondo piano espositivo. La Galleria avrà un percorso con ingresso separato dall’uscita e sarà prevista la chiusura di sale e/o corridoi che non consentono possibilità di sbocco ovvero che per ragioni architettoniche e logistiche, non garantiscano il rispetto delle regole sul distanziamento sociale.

All’interno del museo varranno tutte le norme nazionali e regionali per contrastare la diffusione del coronavirus. In particolare si rammenta che è vietato l’ingresso a persone con temperatura corporea oltre 37,5 gradi: sarà misurata la temperatura corporea con idonei strumenti prima dell’accesso; è obbligatorio l’uso di idonee mascherine CE (vedi Ordinanza RT n. 48 ) a copertura della bocca e del naso, durante tutta la permanenza all’interno del museo; è necessario mantenere la distanza interpersonale di almeno 1,80 m; sono vietati assembramenti di ogni genere; i gruppi non possono eccedere il numero di 10 persone, e ad ogni buon conto sono tenuti a rispettare sempre la distanza interpersonale di 1,80 m; le guide turistiche devono automunirsi di sistema whisper (microfono e auricolari), indipendentemente dal numero dei componenti del loro gruppo.

Si precisa che in questa fase i seguenti servizi aggiuntivi sono sospesi: guardaroba, bookshop, e noleggio di radioguide, audioguide e tablet.

Vista l'emergenza in atto con possibilità di contagio, si precisa che all’interno potrà accedere un numero massimo di persone che consenta il distanziamento minimo di un metro l’una dall’altra, consigliato uno e ottanta. Il personale addetto al controllo delle sale espositive, una volta arrivato al massimo numero di persone consentito, impedirà l’accesso ad altre persone, e farà entrare le persone in attesa, distanziate l’una dall’altra anch'esse di almeno un metro.

Condividi