Nel 1699 pervenne alla Guardaroba di Palazzo Pitti un gruppo di disegni, parte del lascito intestato a Cosimo III dal bibliotecario granducale Apollonio Bassetti: disegni che si è creduto a lungo non fossero più identificabili all’interno della collezione medicea. Con il presente studio si tenta di descrivere la raccolta originaria attraverso una serie di verifiche e riscontri numerici condotti su tre documenti conservati presso l’Archivio di Stato di Firenze, la Biblioteca degli Uffizi e l’Archivio del Gabinetto Disegni e Stampe. Il lascito Bassetti, che probabilmente ha costituito per le collezioni medicee l’apporto più cospicuo di disegni prima delle acquisizioni di epoca lorenese, rappresenta un tassello importante della storia del collezionismo di grafica nella Firenze tardo barocca.

Perin del Vaga, Fregio ornato di figura alata, cariatide e putto, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, inv. 726 E
Perin del Vaga, Fregio ornato di figura alata, cariatide e putto, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, inv. 726 E
Condividi

Imagines è pubblicata a Firenze dalle Gallerie degli Uffizi. Direttore responsabile: Eike D. Schmidt. Redazione: Dipartimento di Comunicazione Digitale. ISSN 2533-2015
Informazioni
Annamaria Petrioli Tofani
La collezione di Apollonio Bassetti al Gabinetto Disegni degli Uffizi, in "Imagines", 3, 2020, pp. 8-99
Pubblico