Rassegna di spettacoli estivi Uffizi_live 2016

Dal 31 maggio fino al 27 settembre 2016 la Direzione delle Gallerie degli Uffizi e il suo Dipartimento di Comunicazione Digitale, in collaborazione con Firenze Musei, organizzano una rassegna estiva dal titolo Uffizi live, un calendario di eventi di musica, teatro, danza e performance delle più diverse arti dello spettacolo, specificamente collegati - per tema o suggestione - alle opere d'arte presenti nel percorso espositivo della Galleria.

"Tutti i martedì d'estate dalle 19 alle 22, nella suggestiva cornice degli Uffizi eccezionalmente aperti anche di sera  - sottolinea il Direttore Eike Schmidt -  con il normale biglietto di entrata del museo i visitatori avranno l’opportunità di godere non soltanto delle opere d’arte della collezione ma anche di un ventaglio molto ampio di "altre" proposte artistiche, collegate in modi diversi e originali alle opere della Galleria; proposte che spaziano dai repertori e dai linguaggi espressivi più classici delle diverse arti performative fino a quelli più contemporanei, con un'attenzione particolare rivolta alle piccole realtà artistiche del territorio e ai giovani".

Si informano i visitatori che le operazione di chiusura della Galleria inizieranno alle ore 21.35.

           

Maggio - giugno 2016

Martedì 31 maggio: inaugura la stagione Company Blu con una performance di danza contemporanea dal titolo 4 Steps 4 Angel di Charlotte Zerbey, coreografia ispirata ai sonetti dedicati alla bellezza androgina del Fair Youth del canzoniere di Shakespeare.

Martedì 7 giugno: il musicista e attore Gabriele Bajo, come un “pifferaio di Hamelin”, accompagnerà i visitatori in un’intrigante visita itinerante, ricca di suggestioni musicali e riferimenti letterari alle opere della Galleria, tratti da scrittori e poeti toscani tra Cinque e Novecento.

Martedì 14 giugno: Uffizi live torna con un doppio appuntamento. Sulla terrazza panoramica le eleganti note di jazz dell’ensemble Musicheria di Carlo Bonamico accompagneranno le letture di Milena Mammato nella rievocazione di alcune atmosfere della Firenze di fine Ottocento e inizio Novecento, raccontate attraverso gli “occhi stranieri” di famosi “viaggiatori d’eccezione”. Contemporaneamente la compagnia Versiliadanza diretta da Angela Torriani Evangelisti presenterà, all’interno delle sale espositive, una performance itinerante dal titolo Looking for Visions, un’elaborazione coreografica su alcuni temi tratti dai dipinti esposti.

Martedì 21 giugno: è il turno della raffinata proposta della Compagnia Zefiro e la Musica di Beatrice Cristini, che proporrà un mélange di musica del Cinque e Seicento eseguita dal vivo, danza rinascimentale e letture di brani da autori coevi.

Martedì 28 giugno: chiude il calendario del mese di giugno un altro doppio appuntamento. Nella Sala della Niobe l’attrice Stefania Stefanin, accompagnata dalle suggestioni del violino suonato dalla giovanissima Emma Nicoletti, rievocherà e attualizzerà, con un sottile sguardo rivolto ai drammi dei giorni nostri, il mito ovidiano della strage dei Niobidi. In un’altra sezione della Galleria Chiara Macinai e Robert Pettena andranno in scena, con un gruppo di 15 performer, con un happening mimico e itinerante ispirato ai saggi di Roland Barthes (La camera chiara) e George Kubler (La forma del tempo), indagine personale sul senso dell’eredità dell’artista: “lasciare un segno”.

Luglio 2016

Martedì 5 luglio: il programma del mese di luglio si inaugura con un suggestivo concerto di musica e canto medievali. L’Ensemble San Felice, composto da cinque strumentisti e due cantanti, diretti dal Maestro Federico Bardazzi, propone una raffinata selezione, tra sacro e profano, di laudi e contrafacta scritti dal compositore e musicista del Trecento Francesco Landini.

Martedì 12 luglio: un doppio appuntamento che alterna un concerto di musica classica a una performance teatrale ispirata al “metodo mimico”. Nella Sala della Niobe la giovanissima Stefania Scapin presenta un programma per arpa sola curato dal Maestro Michele Sarti: “Tra Bach e la contemporaneità: viaggio musicale tra le sonorità dell'arpa”, un'intensa rassegna dal grande impatto emotivo. Contemporaneamente, lungo le sale della Galleria, gli attori della Compagnia Down Theatre faranno “parlare” e “muovere” le opere d’arte attraverso elaborazioni mimiche ispirate al metodo di recitazione codificato dal grande Maestro del teatro Orazio Costa.

Martedì 19 luglio: l’Antica Liuteria Sangineto presenta “Il suono dipinto – strumenti musicali nell’arte pittorica”, un progetto tra musica e storia dell’arte dove gli artisti-artigiani della famiglia Sangineto ripropongono, alla visione e all’ascolto dei visitatori, ricostruzioni fedeli di antichi strumenti musicali tratti dai dipinti della Galleria e realizzati artigianalmente, nella liuteria di famiglia, dalle loro sapienti mani. Strumenti che torneranno a rivivere e risuonare, ciascuno accanto al quadro che lo raffigura, in un bagno di suoni coinvolgenti dal sapore antico ed eterno. Musica da ascoltare e musica “da vedere”.

Martedì 26 luglio: chiude il mese di luglio un’originale e insolita proposta: uno spettacolo di illusionismo e magia pensato appositamente per le opere d’arte della Galleria degli Uffizi. Il mago Bustric, nei panni di un simpatico “guardiano notturno” del museo, accompagnerà i visitatori in un colorato e poetico viaggio itinerante lungo le sale espositive della Galleria, davanti alle opere. Un divertente e autoironico dialogo personale di un artista-illusionista sul tema dell’illusione prospettica in pittura, realizzato con quella leggera e sofisticata “poetica delle piccole cose” a cui il mago Bustric ha da anni abituato il suo pubblico in tutta Europa.

Agosto 2016

Martedì 2 agosto: virtuoso ensemble d'archi tutto al femminile che sta riscuotendo enorme successo di pubblico e critica in Italia e all’estero, The Quartetto Euphoria si esibirà in esilaranti performance di teatro comico-musicale itineranti e dedicate ai temi delle opere d’arte. Tra queste, la lotta di Ercole e Nesso, messa in scena con un fatale tango, e la Primavera di Vivaldi, che rifiorirà insieme a quella di Botticelli.

Martedì 9 agosto: doppio appuntamento fra teatro in musica itinerante e performance mimica di “full masks”. Nella Sala delle Maestà e nelle sale attigue verrà rappresentata "La Passione", progetto curato dal compositore Davide Fensi in collaborazione con la Compagnia Lombardi Tiezzi su testo di Pascal Abatiello, rievocazione delle "cerche" itineranti, l’onta pubblica che i condannati a morte fra Medioevo e primo Rinascimento erano costretti a subire per le vie della città prima dell’esecuzione. Tra musiche d’atmosfera e testi suggestivi ricchi di riferimenti ad artisti come Giotto, Beato Angelico, Pisanello, Andrea del Castagno e Nardo di Cione, il “condannato” che sfila in Galleria veste i panni di un giovane e promettente pittore di bottega della Firenze di metà Quattrocento colpevole di omicidio. Nella Sala della Niobe va invece in scena la Compagnia The Dummies Project di Federico Bertozzi, dal segno fortemente contemporaneo, con una performance di mimo e teatro-danza centrata sull’episodio dantesco di Farinata degli Uberti ed eseguita – nel rispetto di una coinvolgente “poetica del silenzio” - con “full masks”, bellissime maschere artigianali a figura intera dallo stile e dal gusto ipercontemporanei.

Martedì 16 agosto: un percorso musicale e artistico, ideato e curato da Giovanna M. Carli, in omaggio al giovane Mozart. Si tratta di Viaggio in Italia nella sonata del Settecento tra affetti e invenzioni, affidato al violino di Giacomo Granchi e al clavicembalo di Giacomo Benedetti. Lo spettacolo vede in scena tre leggii ovvero “libri d'artista di forma variabile” realizzati dall’artista Andrea Granchi ed esposti a mo’ di “spartito” figurato.

Martedì 23 agosto: ancora un doppio appuntamento ad Uffizi_live. La Macchina del tuono di Roberto Andrioli divertirà gli spettatori con uno strepitoso recital di commedia dell’arte che attingerà al famoso repertorio cinque e seicentesco di lazzi, canzoni e teatro “all’improvviso” delle più celebri maschere, dal povero Zanni all’avaro Pantalone, dal Capitano vanaglorioso al Dottore pedante fino all’immancabile furbo/sciocco Arlecchino. Tre diversi contesti storico-artistici della Galleria degli Uffizi ispireranno invece il progetto internazionale di ricerca di danza contemporanea “Inter Pares Project” di Agnese Lanza e Julie Havelund, una poetica e accattivante performance tra movimento e immobilità centrata su figure e pose ispirate alle opere e allo spazio del circostante.

Martedì 30 agosto: chiude il mese di agosto un altro doppio appuntamento, all’insegna della leggerezza, del gioco, dello “scherzo poetico e virtuoso” adatto a un pubblico di adulti e bambini. Torna, dopo il successo di luglio, il Mago Bustric nei panni di un “guardiano notturno” del museo che ammalierà i visitatori in una raffinata performance di magia e illusionismo concepita attorno alle opere d’arte esposte in Galleria. Contemporaneamente si esibirà anche il trio di giovani musicisti/giocolieri Bacenetti-Gherardi-Piccioli nel loro entusiasmante e applauditissimo progetto “Ball Percussion”, una ricerca artistica che unisce body percussion, movimenti coreografici e manipolazione di oggetti di giocoleria.

Settembre 2016

Martedì 6 settembre: Gli Uffizi sottolineano una volta di più la loro vocazione internazionale e interculturale con un appuntamento di teatro itinerante specificamente progettato per la Galleria e le sue opere. L’Associazione Archètipo diretta dal regista Riccardo Massai propone una rassegna di alcune fra le biografie dei più importanti artisti del Rinascimento tratte dalle Vite di Giorgio Vasari, evidenziando in modo originale il significato dell’arte che sa diventare linguaggio comune in una prospettiva multiculturale e inclusiva: nove attori provenienti da tutto il mondo e dalle più diverse e lontane culture reciteranno i “personaggi” di Vasari in doppia lingua (nella maggior parte dei casi, la propria e in italiano) accanto alle opere e a proposito delle opere di cui per una sera diventeranno essi stessi gli “autori”.

Martedì 13 settembre: Nato nella sublime e magnifica Abbazia di Sant’Antimo a Montalcino, il gruppo corale Cantus Anthimi si dedica da anni allo studio del canto sacro vissuto come meditazione e ascolto, occasione di crescita umana e spirituale. La pittura medievale e le Maestà degli Uffizi dialogheranno splendidamente con l’intensa spiritualità della monodia gregoriana e medievale, e della prima polifonia rinascimentale: con il loro progetto canoro dal titolo “Theotokos – tra cielo e terra nella contemplazione del mistero”, il gruppo ripercorrerà i sentieri tracciati dal sentimento di devozione alla Vergine Maria nei momenti cruciali della sua esistenza, accompagnando l’ascoltatore in uno stato percettivo sempre più profondo stimolato dalla potente simbologia delle immagini testuali e dal fascino del suono.

Martedì 20 settembre: Elegante serata di canto rinascimentale e musica barocca. Ad accogliere i visitatori all’inizio del percorso museale, al secondo piano della Galleria, il suggestivo coro Musica Harmonica specializzato nel canto a cappella, che per l’occasione si esibirà in un mélange di polifonia a tema profano che attinge alla tradizione europea di area romanza del Cinquecento. Nella Sala della Niobe si potrà gustare il raffinato e colto progetto per flauto traversiere, clavicembalo e voci recitanti a cura di Paola Borghi e Marco Maria Melardi: verranno rievocati alcuni capitoli dell’avvolgente e appassionante rete di contatti culturali fra la Firenze medicea e la Francia del Re Sole, fra parentele di alto lignaggio, vicende legate al collezionismo d’arte, scambi “musicali” e suggestioni mitologiche e iconografiche.

Martedì 27 settembre: Conclude la rassegna estiva di Uffizi_live il concerto di musica barocca del prestigioso ensemble Modo Antiquo, che attinge a un ricco repertorio suddiviso in tre parti che spazia dal tardo Quattrocento alla prima metà del Seicento.