Uffizi Archeologia: dall’archivio al digitale

07/07/2017

Ex Chiesa di San Pier Scheraggio

notti archeo 2017 uffizi con loghi correttiLe Gallerie degli Uffizi partecipano alla diciassettesima edizione delle Notti dell’Archeologia, per le quali il tema scelto quest’anno è "Ricostruire il passato: tra tradizione e tecnologia", con un ciclo di tre conferenze sulla valorizzazione della collezione archeologica degli Uffizi, durante le quali saranno presentati ai visitatori i modelli 3D delle sculture.

Da anni, infatti, il Dipartimento di Antichità Classiche delle Gallerie s’impegna nella comunicazione al grande pubblico delle ricerche archeometriche sulla policromia, dal Vaso Medici al progetto IU-Uffizi, in collaborazione con l’Università dell’Indiana e il Politecnico di Milano, grazie al quale tutta la collezione verrà digitalizzata.

Tenute da esponenti di primo piano nei rispettivi campi di ricerca, le conferenze avranno luogo venerdì 7, 14 e 21 luglio dalle ore 16.30 alle ore 17:30, presso i locali dell’ex Chiesa di San Pier Scheraggio, con ingresso dalla prima porta del Loggiato (lato lungo, detto di Levante) accessibile ai disabili.

Accesso gratuito.

Calendario 

Venerdì 7 luglio

“Digitalizzare le sculture: da dove partiamo e dove vogliamo arrivare” – Prof. Bernie Fischer (Indiana University). 

Bernard Friescher è uno dei massimi esperti internazionali in tecnologie digitali applicate all'archeologia. Ha al suo attivo numerosi progetti scientifici tra i quali "Rome Reborn" iniziativa internazionale che ha lo scopo di creare modelli 3D che illustrano lo sviluppo urbano dell'antica Roma dal primo insediamento dell'età del bronzo fino al primo Medioevo. In questa occasione Friescher illustrerà il progetto Internazionale IU-Uffizi Project e il potenziale del digitale nella conoscenza della collezione archeologica.


Venerdì 14 luglio

“Strategie di public engagement. Il digitale come supporto ideale per un’archeologia condivisa” – Dott.ssa Cristiana Barandoni (Indiana University).

Archeologa specializzata in digital e communication strategy, Cristiana Barandoni da circa 4 anni collabora con il Dipartimento di Antichità Classiche delle Gallerie degli Uffizi. Per il museo ha al suo attivo due progetti, Gold Unveiled (dedicato alle dorature della statuaria classica) e UffiziArcheologia (progetto di comunicazione via social networks della collezione archeologica). Project Manager di IU-Uffizi Project, nel suo intervento ci parlerà dell'utilizzo dei modelli 3D in campo museale per rendere le collezioni archeologiche più accessibili e trasformare la Galleria in un museo inclusivo.


Venerdì 21 luglio

“Il 3D in ambito museale. Dalla realtà fisica al modello virtuale” – Prof. Gabriele Guidi (Politecnico di Milano).

Professore Associato presso la Facoltà del Design del Politecnico di Milano, Membro del Comitato Scientifico del progetto IU-Uffizi Project. Si occupa di 3D imaging in diversi campi, con particolare riguardo alla documentazione dei Beni Culturali e tiene corsi di “Reverse Engineering”, “Reverse Modeling”, “Computer Vision” e “Computer Graphics". Nel suo intervento ci racconterà i metodi di acquisizione delle immagini e la tecnica di acquisizione delle immagini al fine di creare modelli digitalizzati della collezione archeologica degli Uffizi.