Nuovo orario e nuova bigliettazione per i Musei di Palazzo Pitti

16/05/2017

Palazzo Pitti

Una Reggia tutta da scoprire

La Reggia di Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli, a partire dal 16 maggio, cambiano regime di bigliettazione, al fine di permettere una migliore fruizione e comprensione dei due spazi. I quattro musei di Pitti, Galleria Palatina, Galleria d'Arte Moderna, Museo della Moda e del Costume e Tesoro del Granduca costituiranno un'unica realtà museale con unico biglietto, separata dal Giardino di Boboli che manterrà nel suo circuito il Giardino Bardini e il Museo delle Porcellane continuando ad osservare gli orari di apertura stagionale, dipendenti ciclicamente dalle ore utili di luce.

Il biglietto per l’ingresso a tutti i musei ospitati nella Reggia di Pitti  manterrà il prezzo di base di € 8,50 intero e € 4,25 ridotto, e darà accesso dalle 8.15 alle 18.50 da martedì alla domenica alla Galleria Palatina e Appartamenti Reali, al Tesoro dei Granduchi (già Museo degli Argenti), al Museo della Moda e del Costume (già Galleria del Costume; temporaneamente chiuso per riallestimento dal 2 maggio al 12 giugno 2017) e alla Galleria d’Arte Moderna.

Continuando l’accordo sulla maggiorazione del biglietto in occasione delle esposizioni temporanee, durante la mostra "Maria Lassnig: Woman Power" (25 marzo - 25 giugno 2017) all'Andito degli Angiolini, il prezzo del biglietto continua a costare, per intero € 13,00 e ridotto € 6,50.

Invariato rimarrà anche il prezzo dell’ingresso al Giardino di Boboli (che include l’accesso al Museo delle Porcellane e al Giardino Bardini) ammontante a € 7,00 intero e € 3,50 ridotto.

“Finora chi voleva conoscere Palazzo Pitti con le sue collezioni doveva comprare due biglietti, e si imbatteva nell’incongruenza dell’orario di apertura tra i due circuiti museali diversi: adesso è sufficiente un solo biglietto per visitare l’intero Palazzo Pitti – commenta Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi. – Il nuovo sistema risulta essere più logico e semplice, circostanza che favorisce una migliore comprensione della Reggia di Pitti, della storia e delle preziose collezioni in essa contenute.

Si abbattono limitazioni d’orario e complicazioni per chi entra in questi spazi magnifici e desideri ammirare i loro ricchi apparati– pitture murali, arredi, sculture, tesori in pietre preziose – insieme alla più grande raccolta al mondo di quadri di Raffaello.

Due biglietti, due opzioni allargate: la via più semplice per offrire al visitatore la possibilità di una perlustrazione più libera e curiosa, ma anche per restituire alla Reggia la sua unità storica.”